Inizia quest’anno la prima edizione dell’Expo delle Idee. Un evento, un progetto, un programma per l’innovazione e il futuro del nostro territorio. 

INVENTIO flyerQuesta nuova iniziativa nasce nel contesto della Festa della Zucca di Casalmaggiore. La zucca è un prodotto gastronomico tradizionale del territorio casalasco.
Ma essa è anche, in senso figurato, la “testa” delle persone. Da zucca mangiata a zucca…“pensante”: ecco il passaggio decisivo che consente di inquadrare l’identità e le intenzioni di Inventio. Il nuovo evento culturale che si terrà sabato 16 e domenica 17 settembre in piazza Garibaldi a Casalmaggiore.

IL TEMA – Questa I edizione vedrà come argomento dominante l’Industria 4.0.
Sempre più spesso si sente parlare di Internet of things (IoT) e di quarta rivoluzione industriale. L’industry 4.0 è il processo nel quale imprese ripensano i propri sistemi produttivi: si compone della combinazione tra l’automazione e l’interconnessione dei processi industriali e delle macchine utilizzate per attuarli, con l’obiettivo finale dell’ottimizzazione della produzione e delle condizioni di lavoro.
Tuttavia si tratta di temi ancora poco noti al pubblico vasto e non sempre tecnico. Di fatto quando si parla di Industry 4.0 spesso ci si riferisce a veri e propri mutamenti che intervengono su progettazione, ricerca e sviluppo, produzione, con conseguenze rilevanti sui flussi ad esse collegati.
Ecco perché la scelta con la quale iniziare questo nuovo evento culturale è stata abbastanza semplice. Comprendere quanto il fenomeno si stia diffondendo sul nostro territorio; conoscere quante aziende ne sono consapevoli e come (eventualmente) si stanno muovendo; capire le conseguenze che queste trasformazioni avranno sui lavoratori e su quali tipologie di figure professionali.

INVENTIO PAG 6GLI INCONTRI – Tre appuntamenti aperti a tutti, in Piazza Garibaldi, con relatori esperti e di alto livello offriranno dunque il loro contributo per descrivere questo importante fenomeno, con un occhio al futuro e un altro al territorio dell’Oglio-Po.
Si comincia al sabato 16 pomeriggio alle ore 17 con un “piccolo” antipasto dei caratteri dell’Industria 4.0: “L’agricoltura tra presente e futuro: quali innovazioni nel 4.0?”. Infatti non solo le imprese del settore terziario e secondario, ma anche quelle che operano nel primario avranno importanti trasformazioni con cui confrontarsi nella rivoluzione 4.0. Per scoprire verso quale direzione e quali possono essere le tecnologie attualmente disponibili e future per l’agricoltura, gli allevamenti e le coltivazioni. Interverranno Filippo Iodice, vincitore dell’AgraDemy 2017 per la miglior tesi di laurea in Italia sul binomio informatica-agricoltura, dal titolo “Metodologie basate su dati satellitari per il monitoraggio delle colture. Vantaggi tecnici, economici ed ambientali”Fabio Curto, presidente sezione lattiero-casearia di Confagricoltura Veneto e titolare dell’azienda agricola “Ponte Vecchio” con il primo allevamento completamente robotizzato in Italia; Mauro Donda, presidente Coldiretti Cremona. A moderare il dibattito sarà il giovane Matteo Buonanno Seves, redattore di InNaturale.

Sabato 16 sera, aperitivo innovativo: “L’industria 4.0 e il futuro del lavoro sul territorio”, alle ore 20.30.  L’incontro cercherà di capire quali sono le principali trasformazioni che influenzeranno il mondo del lavoro in riferimento al nostro territorio. Parteciperanno Francesco Meneghetti, AD di fabbricadigitale; Gabriele Pezzani, giovane casalasco laureato in Economia Aziendale con la tesi “Il Territorio INVENTIO PAG 7Casalasco: analisi demografica, economica e sociale”Corrado La Forgia, Direttore industriale e AD di Bosch della sede di Offanengo (CR) e presidente della sezione meccanica di Confindustria Cremona; Stefano Caselli, docente in Sistemi di Elaborazione delle Informazioni all’Università di Parma. Moderatore sarà Marco Orlandi, studente del corso magistrale in Management dell’Università di Trento.

Si chiude domenica 17 pomeriggio alle 17, con il dibattito dal tema “L’uomo tra l’automazione e l’internet of things: quali scenari possibili?”. I caratteri più evidenti della prossima rivoluzione 4.0 saranno l’utilizzo di sistemi di automazione e di digitalizzazione nei processi di produzione e realizzazione di prodotti e servizi. In parte essi sono già presenti oggi: ma quali saranno le conseguenze, nel lungo periodo, che queste innovazioni avranno sulle imprese stesse e anche sulla vita quotidiana? Ad offrire analisi e prospettive del loro utilizzo a livello imprenditoriale e dell’impatto sui nostri stili di vita saranno la Scuola di Robotica di Genova, Giulio Destri, consulente di organizzazione e tecnologia e professore a contratto presso Università di Parma, Massimo Scaravonati, Managing Counsel dell’ufficio legale di Oracle Italia. A fare da moderatrice sarà Valeria Moscardino ispettore del lavoro nell’Ispettorato del lavoro di Parma – Reggio Emilia.

Enrica Amplo
photo by La Tata Robotica

GLI ESPOSITORI – Sempre in piazza, durante i giorni della Festa della Zucca, tra gli espositori vi saranno due realtà legate a questi temi dell’Industria 4.0, tra robot, automazioni e sensori: La Tata Robotica di Carpi e la Scuola di Robotica di Genova, che offriranno dimostrazioni e laboratori aperti a tutti, per poter sensibilizzare su questioni importanti.

La Tata Robotica  proporrà attività per bambini e adulti dove si pensa con le mani e si fa con la testa. Un nuovo modo di vedere la tecnologia e l’apprendimento, improntati sul coinvolgimento dei partecipanti in innovative attività tecnico-creative. La fondatrice, Enrica Amplo, è laureata in Ingegneria meccatronica e si è specializzata in Kids and Toy Design, presso il Politecnico di Milano. Ha così sviluppato una solida preparazione trasversale, connubio tra tecnica, educazione e gioco, grazie alla quale promuove da più di un anno attività di laboratorio e formazione, con importanti collaborazioni internazionali.
Durante i giorni di Inventio La Tata Robotica organizzerà dei laboratori dedicati a bambini da 6 a 11 anni, nei quali i bimbi potranno cimentarsi tra coding e tinkering, circuiti morbidosi e linguaggio dei robot. Per partecipare ai laboratori prenotati sul sito www.eventbrite.it inserendo nella ricerca la parola “inventio”.

LogoScuoladiRoboticaOrizzLa Scuola di Robotica invece organizza diverse dimostrazioni, aperte a tutti, sempre con il filo conduttore dell’automazione. La Scuola infatti è un’associazione culturale non profit costituita a Genova nel 1999, fondata nel 2000, per iniziativa di un gruppo multidisciplinare di ricercatori e studiosi. Ha come scopo la promozione della cultura mediante attività di istruzione, formazione, educazione e divulgazione delle arti e delle scienze coinvolte nel processo di sviluppo di questa nuova scienza.

A Inventio ci saranno dimostrazioni di volo con possibilità per i visitatori di provare dei droni; la presenza del robot NAO e di alcune peculiarità dei robot umanoidi; la stampante 3D e la Scribbling Machine. Da annotare anche il laboratorio di Tinkering, in collaborazione con il Museo del Bijou di Casalmaggiore, nel quale si potranno realizzare graziosi bijoux robotici grazie al riuso di materiali elettronici da computer in disuso, che alla fine i partecipanti potranno portare a casa.

INVENTIO PAG 8RITORNO AL FUTURO – Tra le attività proposte curiosa è quella delle “cartoline dal futuro”: provare ad immaginare e descrivere come sarà Casalmaggiore tra vent’anni su queste lettere che i nostri figli ci hanno mandato da lontano. Sulla cartolina prova a descrivere o disegnare la tua idea di come sarà Casalmaggiore nel prossimo periodo, pensando in modo positivo, spaziando in qualsiasi ambito e contesto. Diverrà così una vera “cartolina del futuro” e la tua idea potrebbe essere talmente interessante da essere realizzata!

LARGO AI GIOVANI – E ancora: dalle 9.30 12.30 di sabato 16 saranno proposte delle prove individuali di colloquio di lavoro per ragazzi, organizzate dall’Associazione Industriali di Cremona e dal loro gruppo dei Giovani Industriali. Nel corso della manifestazione verrà presentato il Punto Impresa Digitale della Camera di Commercio di Cremona.
Infine, durante i due giorni sarà possibili visitare gli stand di alcune delle realtà più innovative del territorio dell’Oglio-Po. Perché lo scambio di conoscenze ed idee è il primo passo per poter innovare. Anche nel proprio piccolo.

In definitiva: tante attività, tante persone, tanti progetti. Una festa delle idee, insomma, non con il solo scopo di offrire una momentanea opportunità di presentare e condividere e realizzare progetti. È anche quella di incitare la comunità a (ri)cominciare ad usare la propria intelligenza, di (ri)mettersi in gioco, di (ri)fare “sistema”. Ad usare la propria zucca.

Ti aspettiamo all’Expo delle Idee!

Scarica il programma di Inventio 2017.

 

Lavori in corso-2_200x200

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...